MYKONOS

 

Mykonos è sicuramente un’isola bellissima. Credo che splenda in tutto il suo fascino fuori stagione, quando i milioni di turisti che la popolano, ripartono e la lasciano lì, silenziosa, bianca, pura.

E’ un’isola che prima o poi avrei voluto vedere, quindi ho organizzato il viaggio di quest’anno con il volo su Mykonos, dormendo lì una notte all’andata e una al ritorno per poterla visitare un po’. All’andata abbiamo soggiornato al Magas hotel, a Mykonos town, appena fuori dal centro pedonale.

 

 

Gli hotel a Mykonos hanno prezzi folli, soprattutto se sono nella zona centralissima e pedonale, ma anche appena fuori non scherzano. Sono prezzi altissimi, rispetto agli hotel sulle isole meno conosciute o meno frequentate dal turismo di massa. Comunque il Magas è stata una buona soluzione come rapporto qualità\prezzo. Il problema di quest’isola (ma principalmente del centro nevralgico dell’isola) è il traffico (citando Jhonny Stecchino…). E’ folle, vanno tutti velocissimi e come pazzi e, soprattutto, non ci sono i marciapiedi. Quindi, se non hai anche tu un mezzo di trasporto e provi a passeggiare, ti trovi a schiacciarti contro i muretti, sviluppando vista e udito per non essere travolto. Con un passeggino è anche peggio. Dal Magas, il centro pedonale è vicino, quasi 10 minuti a piedi. Si arriva dal lato dei mulini e già da quel punto, si vede quanto Mykonos sia affascinante. I famosi mulini, mare blu e, sullo sfondo, little Venice incorniciata dalle onde.

 

Il primo giorno, abbiamo girato per i vicoli del centro, andando a casaccio, prendendo viuzze, salite, scalini, un Nescafè frappé…ti fai guidare da quelle stradine bianche ordinatissime, piene di bellissimi negozietti, incastonati come pietre, fra le mura di vie strettissime e molto suggestive.

DA VEDERE: la Chiesa Paraportiani, dedicata alla Maria Vergine. Assolutamente originale. Come ha detto mio figlio appena l’ha vista, “SEMBRA FATTA DI NEVE”. O di panna, direi io. Decisamente scenografica, si trova nel kastro, la parte alta della Chora e ci si arriva facilmente, seguendo le stradine che portano poi anche alla zona di little Venice (quartiere Alefkandra). Fotografatissima, noi siamo riusciti a vederla in un momento in cui non c’era nessuno. Dietro ha il mare blu e il contrasto è spettacolare.

Tutte le stradine portano al lungomare, al porticciolo da cui si arriva poi al porto vecchio (da cui partono i seabus per le spiagge) e a quello nuovo (dove attraccano i traghetti per le isole). Sul lungomare si susseguono taverne molto turistiche, seppur molto belle, ma decisamente più care rispetto alla media greca. Dopo esserci rinfrescati in hotel, siamo usciti per la cena e, di sera, le luci regalano ulteriore fascino alla chora. Abbiamo cenato in una taverna del centro che ci è parsa carina, Nikos.

IMG_2258

Non avevo notato subito quanto fosse grande perché altrimenti ne avrei scelta un’altra. Comunque i camerieri erano molto gentili e soprattutto un servizio velocissimo, cosa che non ci si spiega, vista la quantità di gente…..(saranno piatti pronti?). Abbiamo mangiato bene, ma sotto la media della genuinità e della freschezza delle taverne greche provate in questi anni. Sopra la media era solo il prezzo! Dopocena, abbiamo preso per caso una via che era un po’ la via della spiga milanese, per quanto riguarda i negozi. Ma alla cui fine c’è una deliziosa piazzetta coperta da una grossa bouganville

ed un localino molto bello con musica lounge\jazz in cui ci siamo bevuti una buona birra gelata.

Il giorno successivo avevamo il traghetto al pomeriggio, quindi, dopo colazione, abbiamo deciso di prendere il bus per la spiaggia. Non avendo tantissimo tempo, abbiamo scelto la zona di Platis Gialos. Al mattino, la prima parte di spiaggia era già strapiena, lettini vicini tra loro e affollatissimi, a ridosso delle taverne (molto belle) che affacciano sulla spiaggia. Camminando per una decina di minuti abbiamo raggiunto l’ultima spiaggetta di questo pezzo di litorale, ovvero Ag. Anna.

Abbiamo preso 2 lettini e ombrellone a 12 euro (che per Mykonos è POCHISSIMO),  nell’ultima parte di spiaggia attrezzata, davanti alla bella taverna in cui abbiamo pranzato (molto bene), Nikolas taverna.

IMG_2275  IMG_2282

Siamo stati benissimo poiché c’era poca gente, non c’era musica e il mare era ovviamente uno spettacolo. Non ci sono molti lettini, quindi consiglio di andarci al mattino, per trovare posto. Male che vada, confina con un pezzo di spiaggia non attrezzata ma comunque bellissima. Nel primo pomeriggio siamo tornati all’hotel per farci portare al traghetto che ci avrebbe condotti alla splendida Tinos.

A Mykonos siamo poi ritornati che era ormai agosto, per prendere il volo di ritorno. Avevamo già deciso, avendo visto la parte più turistica all’andata, di provare a visitare l’interno dell’isola, in  particolare mi interessava Ano Mera. In molte isole, il paese con questo nome, ha qualcosa di particolare. In effetti, anche qui.

Questa volta abbiamo soggiornato all’Asimina rooms, a Tourlos, la zona del porto nuovo.

Purtroppo già prima di partire, al Magas non c’era più posto per il nostro ritorno sull’isola. Dico”purtroppo”  perché a Tourlos sei comodo solo se ti muovi con un mezzo proprio. I bus passano ma gli orari non sono sempre rispettati e da lì,andare a piedi in centro, è praticamente impossibile. Un  peccato per noi, perché l’hotel era davvero molto carino e l’accoglienza altrettanto.

Quindi, per Ano Mera, abbiamo dovuto prendere 2 bus: uno per la stazione dei bus al porto vecchio e uno da lì al piccolo borgo. Fortunatamente abbiamo preso 2 coincidenze! Ano Mera dista circa 8 km dalla Chora. Il paese stupisce più che altro perché, più che un paese, è una PIAZZA circondata da taverne e negozietti di souvenirs.

 

Qui regna il silenzio, cosa che a Mykonos stupisce non poco. E’  come una piccola oasi di pace in cui ristorarsi dal caos delle spiagge e dei vicoli della chora. Le taverne sono tutte molto  carine ma noi avevamo voglia di pita gyros e abbiamo scelto forse l’unica che lo facesse e che era anche la taverna che ci ispirava di più, per essere la più rustica: to xempourgo. Il proprietario, Markos, che sembra burbero, è invece molto gentile e si è sforzato tutto il tempo di parlarci in italiano mentre noi cercavamo il più possibile di usare le poche parole greche che conosciamo.

 

All’ingresso della piazza, c’è la famosa e molto bella Panagia Tourliani, Chiesa dedicata alla Santa protettrice dell’isola. L’ingresso dovrebbe essere a pagamento (1 euro) ma non essendoci nessuno all’ingresso, siamo entrati, mettendo poi l’offerta nella cassettina delle candele che ci ha gentilmente offerto la signora custode. La Chiesa ha un bellissimo cortile bianco  che dà un’aria di pace e serenità. Il piccolo interno è ricchissimo e tenuto molto bene.

 

Appena fuori dalla pizza, c’è la fermata del bus per ritornare alla chora.

Poco più avanti di Ano Mera c’è una spiaggia che pare sia una delle più belle dell’isola: Kalafatis. Il bus che da Mykonos Town va ad Ano Mera, prosegue poi per quella spiaggia.

L’ultimo giorno abbiamo girovagato ancora un po’ per il centro e abbiamo notato la differenza tra luglio e agosto quanto a numero di turisti. Abbiamo salutato le viuzze eleganti, i mulini, little Venice…

…e pranzato al porto, alla taverna Vegera. Abbiamo mangiato bene, erano molto gentili, veloci, abbiamo speso non poco ma in un posto come quello non puoi pretendere. E poi avevamo già capito che tipo di vacanza aspetti chi sceglie Mykonos. E la parola “risparmio” non è contemplata.

Se sei giovane, vuoi vivere la movida, ballare in spiaggia fino a tardi e godere comunque di un mare splendido e scorci da dipinto, allora è perfetta. Se, come noi, ami le isole greche per la loro AUTENTICITA’, per il sapore rustico, per il silenzio e i grilli, le spiagge incontaminate, la serenità e sentir parlare perlopiù la loro lingua, allora non è propriamente l’isola giusta. Visitata fuori stagione deve essere meravigliosa perché, anche quel poco di entroterra che abbiamo visto viaggiando con bus o taxi, era davvero affascinante. Ma in alta stagione, secondo me, non si può coglierne appieno la magia.

Il mio consiglio, se si vuole passare qualche giorno a Mykonos in qualsiasi periodo dell’anno, è comunque di affittare un mezzo. Dipendere dai bus e dai loro orari (per non parlare dei taxi, che sono pochissimi e quindi sempre occupati) è difficoltoso e fa perdere molto tempo. Soprattutto se si hanno bambini. E non sottovalutate la spesa: ci hanno detto che le spiagge generalmente non costano meno di 25 euro per 2 lettini e ombrellone ed arrivano fino a 40 . Contando che generalmente, sulle isole meno note, si pagano 6 euro per lo stesso servizio…..

Non so se ci torneremo mai, ma sono molto felice di averla scelta come isola di passaggio perché la bellezza c’è,  e per chi la sa vedere, è davvero TANTA.

Buon viaggio a chi sta partendo!!

(ph. Elena Ivaldi e Marco Manzini)

ps: Uno dei consigli che non abbiamo seguito per mancanza di tempo, è  la taverna MARIA’S nella Chora. Venendo dal porto vecchio, appena prima di inoltrarsi nel centro, sulla sinistra si entra in un vicoletto, subito dopo un hotel. Si vede l’insegna. Pare sia una taverna verace e molto valida. Consigliata da greci del posto.

Links:

http://magashotel-mykonos.com/

https://www.expedia.it/Mykonos-Island-Hotel-Asimina.h12654430.Informazioni-Hotel?rfrr=Redirect.From.www.expedia.com/Mykonos-Island-Hotels-Asimina.h12654430.Hotel-Information

https://www.tripadvisor.it/ShowUserReviews-g2296448-d6864126-r403304601-To_Xempourgo-Ano_Mera_Mykonos_Cyclades_South_Aegean.html#REVIEWS

 

https://www.tripadvisor.it/ShowUserReviews-g662620-d1507969-r402554353-Niko_s_Taverna-Mykonos_Town_Mykonos_Cyclades_South_Aegean.html#REVIEWS

 

https://www.tripadvisor.it/ShowUserReviews-g662620-d8078852-r402552140-Vegera-Mykonos_Town_Mykonos_Cyclades_South_Aegean.html#REVIEWS

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...